Deconstructing ProVita

sir-john-cc-LGBT-History-monthDi quello che sta combinando ProVita, sedicente iniziativa che “vuole promuovere i valori della Vita, dal concepimento fino alla morte naturale, e della Famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna” (il link ve lo trovate, hanno fin troppa pubblicità) hanno scritto benissimo su Narrazioni Differenti. Per quanto riguarda la propaganda dell’invenzione chiamata “teoria del gender”, ho scritto già a lungo qui.

Dunque, che altro dire di fronte a questo incredibile spot, nato per combattere qualche cosa che non esiste? Ci vengono in aiuto gli stessi di ProVita, che del loro video scrivono quanto segue. Divertiamoci con loro e con altri. Vi chiedo la pazienza di cliccare su ogni link proposto, ricordandovi che sono solo alcuni degli esempi che è possibile scegliere in rete.

Il video di ProVita sul gender impazza sul web

Il breve e incisivo spot, creato da ProVita per sensibilizzare sul problema del gender nelle scuole e diffondere la petizione sull’educazione sessuale e affettiva, diventa virale e in poco più di 24 ore raggiunge le 300 mila visualizzazioni e oltre 2000 condivisioni. [Si comincia con un po’ di empowerment. I numeri dicono una cosa chiara: noi ce l’abbiamo grosso. La retorica è quella.]

Naturalmente ciò non poteva che far infuriare il mondo LGBT che ha scatenato un attacco su vasta scala, dimostrando così che alla teoria gender ci tiene per davvero. [Il mondo LGBT, notoriamente compatto e con una struttura decisionale solida e unita, dimostra che la teoria del gender esiste perché reagisce a una mera invenzione calunniatoria. A ProVita piacerebbe molto che non si rispondesse niente, lasciando il campo libero a loro; invece esistono questi brutti ceffi organizzatissimi che rispondono pure.] Il video, anche grazie ai duri attacchi di cui è stato oggetto, ha avuto una risonanza enorme e ha ottenuto il suo scopo: far parlare del problema del gender nelle scuole, aprire gli occhi ad alcuni, stimolare il dibattito. [Nelle scuole non si parla del problema del gender, perché il problema del gender non esiste. Si parla da parecchio di educazione sessuale; adesso che la si sta unendo intersezionalmente alla lotta all’omofobia e al bullismo, allora SOLO ADESSO ProVita e simili passano – loro – all’offensiva. Hanno capito che sotto silenzio non si può più far passare niente, quindi provano a fare la parte delle vittime. Adinolfi, Miriano e sentinelle fanno lo stesso.] Non possiamo che ringraziare i nostri “oppositori” per tutta la visibilità e l’attenzione che ci stanno dando. [Vero: ci contavano, ed è arrivata. Solo, non la chiamerei attenzione, userei una parola più marrone.] Gayburg parla di “spot omofobo” e di “istigazione all’odio” omofobico: l’accusa è un po’ ridicola ma non ci sorprende per nulla visto che, come abbiamo recentemente spiegato, quasi tutto può essere considerato “omofobia”. [Tattica numero uno: chi ci dà contro esagera, non è possibile che tutto quello che diciamo sia omofobia. Qualcosa, anche per sbaglio, sarà giusto, no? Proprio il tipico atteggiamento di chi sa di avere ragione… il loro sito si trova facilmente, andate e vedete.] Gay.it ci accusa di “terrorizzare i genitori” [Vero: andate a rileggervi il famigerato decalogo. Articolo sei: “Date l’allarme!”], di scagliarci contro l’”inesistente teoria del gender” (ma allora, se ci battiamo contro qualcosa che non esiste, perché alcuni gruppi si sentono così chiamati in causa e offesi?) [Capito la finezza? Se la comunità LGBT reagisce alle calunnie, per esempio “insegnate ai bambini a essere gay”, allora la “teoria del gender” esiste. Se io dico che sei un ladro e un truffatore e tu reagisci, allora è vero. Complimenti per il vostro concetto di “accusa fondata”.], di promuovere una “campagna di disinformazione” [come vuoi chiamare uno spot nel quale sono messe in bocca a serie organizzazioni educative frasi che non ha mai detto nessuno? Infatti, per farle dire, ProVita ha dovuto usarle lei. Volantini, pubblicazioni, registrazioni fatte con quelle parole da parte di questi “educatori al gender” non ne esistono. Ovviamente.], ecc.

L‘Espresso parla di “lavaggio del cervello” e fa un po’ di confusione riferendo tutte le immagini forti del video ai “gay” (la normalizzazione della transessualità e di identità di genere “indefinite” è cosa ben diversa). [Altro vecchio trucco retorico: prima generalizzo io, e quando mi si risponde con analoghe generalizzazioni allora entro nello specifico e dò dell’ignorante a chi mi contesta.] Altri gruppi LGBT hanno pensato di chiedere a Facebook di togliere il video per “oscenità/nudità”, in riferimento ad una immagine in cui, per una frazione di secondo, si vede un uomo, di schiena, “nudo”. [Com’è noto a chi usa Facebook, tutto ciò è indimostrabile oggettivamente proprio per la politica di FB.] Per fortuna, Facebook non ha ritenuto valide le segnalazioni e il video rimane. Ma il fatto è quantomeno paradossale: l’immagine infatti, a parere nostro, mostra effettivamente una cosa oscena. [Fate pace col cervello, e non scaricate agli altri le vostre evidenti contraddizioni.] Peccato che la maggior parte delle immagini (tra cui quella dell’uomo “nudo”) siano state prese da un “gay pride” piuttosto importante. [Le immagini di un gay pride prese a esempio di quello che si direbbe a scuola. Se non è la costruzione di una calunnia questa, cosa lo è?] Questo per soddisfare la curiosità di chi accenna ad immagini prese “chissà dove”. Insomma gli LGBT permettono le “oscenità” nelle loro parate, [non le permettono affatto: sono libertà, è ben diverso] ma poi si lamentano accusando di “oscenità” chi osa mostrare cosa succede durante i gay pride. [Sì, se lo si mostra per definire ciò che verrebbe detto nelle scuole. Si chiama, appunto, calunnia.] Quanto all’immagine di “bambini che inseriscono profilattici su paletti di legno”, anche questa non ce la siamo inventati: si tratta di una lezione di educazione sessuale in un “civilissimo” paese europeo. [Mai svolta da nessuno, in Italia, né presente nei programmi di nessuna associazione che lavora con i bambini. Quindi? Questo non è terrorizzare le famiglie?]280px-Rainbow_Dash

La rabbia arcobaleno [vi dirò, questa espressione non mi dispiace, mi fa pensare a Rainbow Dash] è però andata oltre, non accontentandosi di esprimere accuse infondate: [ovviamente, quelle infondate sono quelle dell’avversario] il nostro sito è stato oggetto di continui e ripetuti attacchi di hacker (non è la prima volta) che hanno cercato di mettere in ginocchio i nostri sistemi informatici. [I famosi hacker LGBT, che invece del mouse usano joystick fallici e hanno le tastiere in pelle nera.] Questo non può che stimolarci a andare avanti, per la Vita, per la famiglia e per i bambini! Intanto le visualizzazioni continuano ad aumentare rapidamente, essendo ormai più di 350 mila le persone raggiunte, [cinquantamila si sono aggiunti mentre avete letto: che siano tutti hacker?] così come crescono velocemente le sottoscrizioni alla nostra petizione contro la teoria gender nelle scuole. Un successo insomma, grazie anche ai nostri amici LGBT.

Ecco, così “se la cantano e se la suonano”. Ed evidentemente fanno bene, se poi certa gente riempie i cinema di folle acclamanti, mentre chi lavora seriamente come Scosse no. Ma l’ideologia al potere sarebbe quella LGBT. Ricordiamoci che stiamo parlando di persone così abituate a inventare cose che non si accorgono di chi gli propina statistiche fantasiose per prenderli in giro, e ad esempio ritwitta tutto senza controllarne la coerenza (qui sotto una bufala suggerita da due mie amiche su twitter e che loro si sono bevuta senza battere ciglio):

Lola_ProVita

E’ gente che pur di mettersi in una posizione politica inattaccabile, è pronta a sostenere – approfittando di un generale clima di “contestazione” – che è lo stato a voler propagandare la teoria che loro stessi si sono inventati, perciò ad esempio invitano insegnanti a un convegno di chiaro stampo omofobo. Omofobia che viene fomentata anche spiegando il “corretto” uso del lessico e imponendo la lettura di alcuni messaggi e discorsi in chiave omofoba, come se il variegato e spesso inconciliabile mondo non eterosessuale avesse ordito un complotto linguistico organizzato su tutti i media mondiali.

E tutto questo concerto di fuffa sarebbe ciò che è “naturale”.
E lasciare chiunque libero di decidere del suo corpo, invece, no.

Una risata li seppellirà.

Attenzione alla genderdittatura – Deconstructing Zecchi

Police 09802 Policeman

Sì lo so, è facile divertirsi a decostruire “Avvenire”. In questo caso non so veramente resistere: Stefano Zecchi ha scritto cose molto belle sulle quali ho studiato – roba di Estetica, non vi state a preoccupare – e poi ha scelto un rincretinimento mainstream adatto a una carriera televisiva tutta fuffa e letteratura amena. Il suo esempio mi è molto utile: dimostra come anche un ordinario di filosofia riesca a dire delle panzane clamorose se il suo obiettivo – piacere a un vasto pubblico – è sufficientemente ipocrita. L’articolo è questo.

Zecchi: «Vigilare sui figli
Il gender è la nuova dittatura»

Si dice «d’accordissimo» che l’educazione comprenda anche il tema dell’omosessualità e che nessuna discriminazione sia accettabile, soprattutto a scuola, «ma [lo avete riconosciuto? E’ il noto “non sono razzista ma”] il trasformare questa convinzione in una battaglia politica è mistificatorio è violento nei confronti dei bambini [certo, non va fatta diventare una battaglia politica. Sono cose che ti devi tenere per te: sei favorevole alla parità dei diritti? Tienitelo per te]. Occorre reagire, là dove è possibile bisogna creare argini di confronto pacifico [notate bene, pacifico, perché di solito chi si batte per i diritti di tutti è violento. Visto quanto ci vuole poco a fare passare un’idea falsa e tendenziosa?]». Tra i genitori sconcertati dalle linee guida dell’Unar (i tre ormai famigerati volumi dedicati alle scuole elementari, medie e superiori, poi ritirati dal web) e dall’ideologia del gender imposta come indottrinamento fin dalla tenera età [ma sì, diciamolo, chissenefrega se è vero], c’è Stefano Zecchi, ordinario di Filosofia alla Statale di Milano e scrittore, ma anche [ma anche, attenzione, ciò che lo qualifica a parlare di un fantomatico “gender” è questo] padre di un bimbo di 10 anni.

Fiabe gay alle materne, problemini di aritmetica con personaggi omosessuali alle elementari, narrativa e film transgender alle superiori, la parole padre e madre cancellate dai moduli… Come si arriva a questo? A chi giova? [ma soprattutto: una cosa detta male e tre panzane, come si arriva a qualificarsi giornalisti potendo fare domande così?]
Ci sono due livelli di ragionamento [attenzione eh, vi voglio svegli. Pronti? Via]. Il primo è culturale filosofico, il secondo più pedagogico. Oggi in politica c’è una forte difficoltà a dare un senso culturale alle proprie differenziazioni [che cacchio vuol dire? Che sono ordinario di filosofia, quindi i paroloni non li spiego], così il laicismo proprio della sinistra ha trasportato il suo armamentario ideologico [il laicismo è una ideologia? Ho capito bene, Zecchi?] nel tema dell’abolizione dei generi [abolizione dei generi? Magari! Ma quando mai? Al massimo si parla della loro esistenza – Zecchi, sicuro di avere le idee chiare?]. Dire che i generi non sono più maschio e femmina ma addirittura 56 tipi diversi diventa la battaglia per un’identità politica [premesso che nessuno dice che non sono più quelli, ma forse che ce ne sono altri, certo che se parlo di persone di cui solitamente s’ignorano i diritti faccio una battaglia per un’identità politica: quello gli viene negato, mica è colpa loro!]. Come prima credevano sinceramente che il comunismo salvasse il genere umano e si riconoscevano nella moralità ineccepibile, così oggi sostengono che il gender salva dall’abbrutimento [complimenti per il sillogismo e per la catena causale, e per la corretta identificazione del laicismo proprio della sinistra]. Ma così la politica diventa biologismo, selezione della specie, darwinismo deteriore. Basta leggere i loro testi [quali? Loro di chi? Nomi, titoli? Se lo ricorda come si fa un testo attendibile, vero Zecchi, e come ci si riferisce correttamente alle cose altrui. Qui su Avvenire non vale?].

E sul piano pedagogico? La scuola è particolarmente nel mirino di queste folli ideologie. [il perché sono folli lo dovreste aver letto sopra eh]
È giusto che l’educazione comprenda anche l’omosessualità e soprattutto il rispetto delle differenze, ma senza portare il tema sotto le bandiere mistificatorie che vedo oggi. Una cosa è il dato biologico, altro è la sovrastruttura culturale: un giorno arriveremo a difendere il pedofilo, in fondo è un uomo che persegue una sua preferenza sessuale, e addirittura l’incesto… [queste quattro righe vanno lasciate così, senza commento, complimentandosi per lo sfoggio di vile ignoranza e di sinistra volontà di mistificare – sì, le uniche bandiere mistificatorie che si vedono in giro sono quelle di questi tizi ossequiosi a un potere che gli fa comodo]

La libertà di educazione per i propri figli è un principio costituzionale. Eppure oggi è minato da una “educazione di Stato” che gli ideologi del gender vorrebbero imporre. [notate il metodo: ciò che andrebbe dimostrato è dato per acquisito nelle domande. Quali ideologi? Quale imposizione? Non è mai detto, basta dare per scontato che esistono entrambi]
È chiaro che più si sa e meglio è, è persino banale dirlo, ma chi deve sapere? I docenti. Devono essere formati bene per prevenire ogni forma di bullismo, che crea vere tragedie personali [notate ancora: in mezzo si buttano argomenti con i quali è impossibile non essere d’accordo, come la lotta al bullismo], e fare mediazione tra le sensibilità della classe. Ma lasciate in pace i bambini: su di loro si sta esercitando un’ideologia violenta che non dovrebbe nemmeno lambirli [di nuovo: dove? Come? Come se fosse stato già dimostrato. Invece no]. D’altra parte è tipico dei regimi, che come prima cosa si appropriano delle scuole: questo sta diventando un regime [EH? Un regime gay? E dove sono le milizie armate di boa di struzzo che marciano al suono di You make me feel mighty real?] e infatti tutti hanno paura di reagire, anche solo dire che il padre è un uomo e la madre una donna è diventato un atto di “coraggio” [com’è noto, le milizie gay sono ovunque pronte a colpire con i loro dildoni d’ebano i poveri etero che tentano di sopravvivere]. Siamo al grottesco [sì, se un ordinario di filosofia spara ‘ste scemenze e ci crede pure, sì, siamo al grottesco].

Eppure alcune scuole si adeguano subito: via le fiabe perché il principe ama la principessa, via anche la festa del papà (chissà perché della mamma no)… [come al solito, non vi aspettate link: a saperle davvero, le cose, si scoprirebbe che non sono andate proprio così. Ma che ce frega, siamo il giornale della Cei, se Google ci contraddice noi lo scomunichiamo]
È il frutto di una demolizione della figura del padre che arriva da lontano, dagli anni ’70, quando si è cominciato a distruggere la famiglia dal “capo” [il discorso era un pochino più complicato, ma gli ordinari di filosofia in vena di ingraziarsi un pubblico fanno così: paroloni a cacchio e semplificazioni storiche a proprio vantaggio. So’ bòni tutti, Zecchi]. Sfasciata la famiglia è chiaro che dopo puoi sfasciare anche i due diversi ruoli di padre e madre, e che oggi sia a pezzi lo dice la facilità con cui si sciolgono i matrimoni [proverò a dirla alla francese: ma che cazzo c’entra?]: quando si accetta una visione così “allegra” di famiglia, aperta, senza legami, tutto diventa possibile. Annientare la madre è più difficile perché è la figura biologica [e te pareva], anche se affitti un utero è ancora femminile, finché almeno la tecnologia non riuscirà in cose mostruose [tranquillo Zecchi, gli ordinari di filosofia non è facile farli nascere a comando], e allora saremo di nuovo al nazismo [ci mancava, vero, lo spettro del nazismo? Adesso le truppe gay hanno anche divise di colore pastello]. Ma io non credo si arriverà a tanto [mah, guarda, se si è arrivati a ordinari di filosofia che pur di vendere qualche copia in più appoggiano pseuoricostruzioni storiche tra il ridicolo e l’opportunista…].

Lei è ottimista? La storia insegna che nei regimi si cade senza avvedersene. [la tipica storiella dei collaborazionisti: ci siamo svegliati ed eravamo fascisti, nessuno ha potuto farci niente. Del ruolo dei quotidiani e degli intellettuali tipo gli ordinari di filosofia, non ne parliamo]
Ormai la nostra società ha consolidato un forte individualismo [tipica caratteristica  dell’omosessualità, e degli altri 56 tipi diversi, no?], la teoria del gender non diventerà un fenomeno di massa, lascerà il tempo che trova: io non sono terrorizzato, sono disgustato, che è diverso [è più nobile – che uomo, che maschio!]. Tuttavia bisogna avere delle attenzioni, attrezzarsi perché i nostri figli possano crescere in una dimensione – religiosa o laica che sia – di libertà [sulla dimensione religiosa di libertà si è già espresso George Carlin]. Mia madre era maestra [e ti pare che non ci mettiamo in mezzo la mamma?] e per una vita ha insegnato nella scuola statale, io ho studiato e insegnato sempre nello Stato, lo stesso fa mia moglie… ma mio figlio studia in una scuola paritaria [eh, mica scemo]: lì ho la garanzia che cresca libero dall’arroganza degli “inappuntabili moralmente” [non essere omofobi è un difetto, secondo Zecchi. Complimenti]. Lo ripeto, non voglio crociate, dobbiamo creare argini di confronto pacifico [avete visto come si creano, no? Sparando stronzate e calunniando senza uno straccio di prova] e informare i docenti, ma non fare violenza sui piccoli. Chi ha autorità morale – oltre alla Chiesa anche la politica – si faccia sentire, la buona sinistra [la buona sinistra: quella che la pensa come me, detta più semplicemente] parli, dica la sua, ne abbiamo bisogno.

Esattamente quanto avremmo bisogno di ordinari di filosofia meno ignoranti e più onesti, Zecchi.

Deconstructing “il sesso con sentimento”

pierinoQuello dell’educazione sessuale nelle scuole è un tema che in Italia non ha mai raggiunto un livello serenamente accettabile di dibattito pubblico, sia per qualità che per quantità. L’unica produzione massiccia e sistematica di comunicazione riguardo l’argomento “sesso a scuola”, in Italia, sono stati i film di Pierino. Per una seria e programmata educazione che renda gli italiani – almeno quelli del futuro – un po’ meno incoscienti e in balia di stereotipi e falsità riguardo qualunque argomento sessuale, nessun giornale o televisione s’è mai battuto molto. Questo è quello che, nel 2013, il più autorevole giornale d’Italia, secondo per tiratura solo alla Gazzetta dello Sport, pubblica in uno spazio della sua sezione “Cultura”, con l’incoraggiante titolo Come insegnare l’educazione sessuale a scuola?. Buona lettura.

Come insegnare l’educazione sessuale a scuola?

di Federica Mormando

La recente sentenza della Corte di Cassazione che nega la pedofilia in un rapporto sessuale fra un uomo di 60 anni e una bambina di 11, perché «c’era amore», mostra che di educazione sessuale ne hanno, e tanto, bisogno parecchi adulti, anche in posizioni di potere. [Su questo ultimo punto possiamo anche essere d’accordo, ma la famigerata sentenza non dice proprio così: dice che nel caso la Corte d’Appello non ha tenuto conto dell’attenuante dovuta al fatto che i due erano innamorati. Cosa gravissima lo stesso, ovviamente, ma da qualcuno che scrive sul Corriere io mi aspetto un’esattezza non ordinaria. La sentenza, in nessun modo, nega la pedofilia in quel caso.]

Invece l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stilato 85 pagine di guida all’educazione sessuale per i bambini da 0 a 16 anni, un po’ ambigua nella presentazione, visto che «…la matrice che illustra gli argomenti che deve affrontare l’educazione sessuale a seconda della fascia di età degli allievi (… ) presenta maggiori elementi per la concreta realizzazione dell’educazione sessuale olistica nella scuola, sebbene i presenti standard non vogliano essere una guida per l’attuazione dei programmi di educazione sessuale”. [E quale sarebbe l’ambiguità? Come tutti i documenti di grandi organizzazioni internazionali, essi non possono occuparsi dell’attuazione del loro oggetto: essi, appunto, parlano della realizzazione, cioè di cosa andrebbe fatto, ma non posso certo dire “come” realizzare le cose (l’attuazione), dato che le realtà di ciascun paese sono diverse. Quindi l’OMS dice ciò che secondo lei andrebbe fatto, ma non può certo dire come.]

Non risulta quindi chiarissimo lo scopo, [invece sì, dovrebbe bastare saper leggere] comunque “La richiesta di educazione sessuale anche per i più piccoli è stata supportata da un diverso modo di percepire le bambine e i bambini, ora percepiti come soggetti» ed è «concepita per offrire una panoramica degli argomenti che dovrebbero essere presentati a specifiche fasce di età» [e ti pare poco?].

E’ opportuno che i genitori ne conoscano le linee (si trova facilmente in Internet), visto che ci avranno a che fare.

Ad esempio, nella fascia da 0 a 4 anni, bisogna fra l’altro trasmettere informazioni su tutte le parti del corpo e le loro funzioni, su gioia e piacere nel toccare il proprio corpo, masturbazione infantile precoce, scoperta del proprio corpo e dei propri genitali. E sul fatto che la gioia del contatto fisico è un aspetto normale della vita di tutte le persone [sarebbe proprio ora, invece a tre anni trovi bambini già ben indottrinati a vergognarsi di cose che non hanno nulla di vergognoso].

Il programma prosegue dai 4 ai 6 anni con, fra l’altro, «relazioni con persone dello stesso sesso, amicizia e amore con persone dello stesso sesso, gioia e piacere nel toccare il proprio corpo (masturbazione precoce)» [e non ne vuoi parlare? Oppure preferiamo quei genitori sgomenti e imbarazzati davanti a un *pup* che, giustamente, si tocca?].

Eiaculazione e contraccettivi sono rimandati alla fascia 6-9 anni, mentre continua l’indottrinamento sulla masturbazione [ma che parola è indottrinamento? Detto così, sembra che l’OMS voglia insegnare a farsi le pippe e i ditalini prima dei dieci anni. Ma che linguaggio è?].

A mio avviso questo documento, più che guida, è espressione di patologie contemporanee [EH? Un documento ufficiale dell’OMS sarebbe scritto da gente con delle patologie? Federì, ma ti stai rendendo conto di quello che dici?] oltre che della presunzione che intride la società di poter riprodurre meglio che in natura la formazione delle persone, da quella motoria a quella sessuale [la presunzione di fare CHE COSA? Quindi esiste una “formazione naturale”? E quale sarebbe la formazione naturale al giorno d’oggi, a parte lo stato brado in qualche foresta pluviale? Ancora crediamo che la parola naturale voglia dire qualcosa di univoco per tutti? Ricordo a chi legge che questo testo appare nello spazio che vuole mettere a confronto genitori e insegnanti. E chi dei due avallerebbe una frase come la società (presume) di poter riprodurre meglio che in natura la formazione delle persone? Così, per curiosità].

Spaventa il probabile non rispetto dei tempi individuali [sono indicati dei margini di qualche anno, eh], e del complesso di emozioni e trepidazioni, ansie e paure, che se dette perdono magia, di cui è costituito tutto il nostro crescere. [SCUSA NON HO CAPITO. Dovrei essere contento di conservare la magia di tutto quello che non so e non capisco sul mio corpo? Per poi magari farmela spiegare dal pornazzo mainstream sul web, o dal primo maldestro che mi mette le mani addosso? Dovrei tenermi ansie e paure perché comunque è meglio la magia?Quello che c’è da opporre a un documento dell’OMS è la magia del non dire emozioni e trepidazioni? Annàmo bene.]

Fermo restando che il «mai rispondere agli estranei, e se qualcuno ti tocca urla» va ben dichiarato prima dei 4 anni (mentre l’OMS fa parlare dell’abuso dai 4 ai 6), perché voler spiegare ciò che è esperienziale, chi può sostenere che spingere a razionalizzare le sensazioni in questi casi arricchisca e non impoverisca? [E perché parlare di quelle sensazioni e inserirle in un percorso educativo significherebbe razionalizzarle? E perché razionalizzare è connotato negativamente? E perché non parliamo degli evidenti pregiudizi di chi ha scritto questo articolo?] Masturbazione, gioco del dottore, bersaglio una volta di demonizzazioni e ora di lezioni [EH? L’OMS prescrive lezioni sul gioco del dottore? E quanto è in malafede usare un’espressione come “lezioni di masturbazione”, lasciando immaginare che ci sia uno seduto sulla cattedra a menarsi il battacchio? Pensa alla quinta ora come ci arriva, poveretto], sono esperienze private, perché renderle codificate [ma che vuol dire codificate? Ci sarà una classificazione dei tipi di seghe? E perché, di nuovo, codificare qualcosa significa renderlo brutto e cattivo?] (e far pensare a chi non si masturba di aver problemi)? [MA CHI LO HA DETTO? Ma che modo di ragionare è? Ma davvero c’è chi pensa che l’educazione sessuale in classe obblighi a masturbarsi? Che sarebbero, i compiti a casa? “Uffa, per domani quella di educazione sessuale c’ha dato tre pippe con la mano sinistra. Ma a me non va per niente” “E ti dice bene, io mi devo infilare un cetriolo in culo!”] Perché doverne parlare? [E perché no? Perché chi scrive questo articolo non argomenta a sostegno della magia contro le indicazioni dell’OMS? E perché invece aspettare di arrivare in silenzio a violenze, a gravidanze indesiderate, a malattie trasmesse sessualmente? Poi che ci fai con la magia?]

Si iniziava anni fa con le «storie» narrate alla televisione [ma quando mai? Ma chi , ma dove? Quali storie? Un link, un nome…], si è proseguito con le foto su Facebook [EH? Si è proseguito cosa? L’educazione sessuale, su Facebook? Ma cos’è questo farfugliare? E’ il Corriere, oh!], si dovrà continuare con l’educazione al racconto delle sensazioni masturbatorie? [E di nuovo, perché no? E soprattutto, perché da raccontare ci sarebbero solo e soltanto le sensazioni masturbatorie? Ma chi ha deciso che l’educazione sessuale sia solo parlare della masturbazione?]

E se l’educazione sessuale invece dovesse essere tutt’altro? [E lo è, mia cara, di nuovo: dovrebbe bastare saper leggere.]

Il papà e i suoi amici che non fanno commenti sulle ragazze. Le mamme che non li permettono. I giornali che riproducono immagini rispettose. I miti che migrano dai corpi belli alle belle menti ed anime. [Vabbè, sì, ci sono anche queste cose, ma non così mescolate e così moraleggianti. E poi niente stereotipi sessisti, per favore, dato che parliamo di educazione sessuale.]

I genitori e gli adulti che parlano di amore, di sentimenti, che si rispettano e chiedono a se stessi e ai bambini cosa facciamo per renderci felici? [Amore, sentimenti? Ho un sospetto… Federica, dove vuoi andare a parare?]

E se l’educazione sessuale fosse un corollario di quella sentimentale e civile? [Buongiorno, ben arrivata, salve, tutto bene? Però quel sentimentale a me non convince molto… secondo me non è molto chiaro cosa sarebbe l’educazione sentimentale.]

Se prima, molto prima di sapere la fisiologia del sesso si vedessero papà e mamma baciarsi, non sarebbe un’ottima prefazione ai sentimenti futuri? [EH? A parte che non sta scritto da nessuna parte che la fisiologia del sesso sia da raccontare come fossero le istruzioni per montare un mobile IKEA, posso sapere che cosa c’azzeccano i baci di mamma e papà? Che è, sesso, quello? E poi i sentimenti? Solo coppie etero? Ancora stiamo a questo livello? Sul Corriere si parla così di educazione sessuale?]

E se si ricollegasse il sesso al sentimento, per maschi e femmine? [E te pareva che non finiva così. Ecco la soluzione all’italiana, per l’educazione sessuale nelle scuole: bandire il “sesso senza amore” fin da piccoli. Complimenti. Tranquilli bambini! Sarà l’amore a farvi conoscere il vostro corpo, così, per illuminazione; tranquilli ragazzi, sarà l’amore a non farvi prendere la sifilide, il papillomavirus, l’AIDS, l’epatite B o C. E a insegnarvi come fare sesso in maniera piacevole e non violenta con chi vi pare. Davvero incommentabile.]

Per qualcosa di più sensato sulla masturbazione, leggete qui. Per l’educazione sessuale nelle scuole italiane c’è ancora molto da lavorare, e come si legge, per esempio, su “l’Unità” due giorni fa, è sempre più evidente che  in ballo ci sia qualcosa di più grosso che una “semplice” riforma dei programmi scolastici. Nel frattempo, in altri paesi, con una comunicazione più efficace e libera da grotteschi moralismi si ottengono risultati importanti. Dàje.

Deconstructing l’ideologia totalitaria

donna_comunista2Il pezzo di cui parleremo oggi è vecchio di due anni, ma il vizio di parlare in maniera distorta e poco chiara delle “teorie” che ci sono avverse è molto diffuso e sempre attuale – ed è molto istruttivo vederlo all’opera. Quindi vi prego di prendere questo “deconstructing” come una sorta di esempio di un uso distorto della categoria di ideologia per mettere in cattiva luce quello che si pensa essere il discorso altrui – facendo in modo che non si parli della propria, di ideologia. Questo continua ad accadere.

Che la Gender Theory possa essere piena di sfaccettature diverse mi pare ovvio, e per fortuna che è così. Ovvio come il fatto che deve ancora fare molta strada prima di affermarsi come un “normale” oggetto di studio come tante altre teorie, nell’università, nella scuola, nei media e nell’opinione pubblica. Rimane il fatto che per ora, in giro si leggono molte sciocchezze sugli studi di genere. Tra queste si distinguono le parole come quelle di Tony Anatrella (non è uno pseudonimo, è proprio il suo nome e guardate un po’ che curriculum), che dalla Francia si sente di rispondere a questa escalation (?) di presenza della Gender Theory. Il pezzo del nostro Tony è dunque qui a chiarire cos’è una ideologia totalitaria. Parliamone.

La provocazione [attenzione attenzione: l’Avvenire provoca. Tutti abbiamo bisogno di clic, eh?]

E dopo Marx venne il «gender» [e già questo è un titolo da manuale]

[Avvertenza: dovete arrivare in fondo a questo primo paragrafo senza ridere. Capito? Se ridete, dovete ricominciare. Non barate: io non vi vedo, ma l’ideologia totalitaria sì.]
La teoria del genere è la nuova ideologia alla quale fanno chiaramente riferimento l’Onu e le sue varie agenzie, in particolare l’Oms, l’Unesco e la Commissione su Popolazione e Sviluppo. [L’attacco di un articolo è fondamentale. Notate come in trenta parole si sia dipinto un mondo di complotto e fantasia degno di saghe nordiche e fantascienze. La Gender Theory (da adesso uso la sigla GT) è una ideologia – parola che ormai ha solo connotati negativi, grazie al berlusconismoed è chiaramente il panorama teorico al quale fanno riferimento grandi organizzazioni internazionali potenti e irraggiungibilile eterne colpevoli di tutto da quando c’è M5S.] Essa è inoltre diventata il quadro di pensiero della Commissione di Bruxelles, del Parlamento europeo e dei vari Paesi membri dell’Unione Europea, ispirando i legislatori di quei Paesi che creano numerosissime leggi concernenti la ridefinizione della coppia, del matrimonio, della filiazione e dei rapporti tra uomini e donne segnatamente in nome del concetto di parità e degli orientamenti sessuali. [La GT ispira i legislatori che fanno numerosissime leggi: manco Vladimir Luxuria si permette dei sogni così erotici. E tutto questo male oscuro lo fanno in nome del concetto di parità e degli orientamenti sessuali – che orrore, eh? Non son cose da farci leggi, queste, vanno lasciate al ghetto, al rifiuto, all’esclusione, al non-visto, no?]

Essa succede all’ideologia marxista [succede, viene proprio dopo, in mezzo non c’è nient’altro, chiaro?], ed è al contempo più oppressiva e più perniciosa [e te pareva] poiché si presenta all’insegna della liberazione soggettiva da costrizioni ingiuste [come il marxismo e tutte le religioni], del riconoscimento della libertà di ciascuno [come il marxismo e tutte le religioni] e dell’uguaglianza di tutti davanti alla legge [come il marxismo e tutte le religioni – adesso che ci penso, anche il mio essere romanista è ispirato a questi valori]. Tutti valori sui quali sarebbe difficile esprimere un disaccordo [appunto]. A questo punto si rende necessario sapere se quei termini rivestano lo stesso significato che già conosciamo o se non servano, invece, a mascherare una concezione diversa che sta per essere imposta alla popolazione senza che i cittadini siano consapevoli di ciò che rappresenta [capito il complotto? Le grandi organizzazioni internazionali mascherano i loro sordidi scopi con parole e concetti che è impossibile rifiutare. Tipo il Vaticano, insomma. Ops].

Che cosa dice la teoria del genere? Questa ideologia pretende che il sesso biologico vada dissociato dalla sua dimensione culturale [non lo pretende, perché è così], ossia dall’identità di genere, che si declina al maschile o al femminile e persino in un genere neutro [?] nel quale si fa rientrare ogni sorta di orientamento sessuale [allora non è un genere neutro, scusi eh], al fine di meglio affermare l’uguaglianza tra gli uomini e le donne [perché, non è così?] e di promuovere le diverse “identità” sessuali [promuovere? La GT non deve mica vendere niente, eh, tipo promesse dell’aldilà o perdono per ogni peccato, tanto per fare esempi. Si tratta di constatare finalmente quello che è successo da sempre]. Dunque il genere maschile o femminile non si iscriverebbe più nella continuità del sesso biologico poiché essa [essa chi? Fate vobis] non gli è intrinseca, ma sarebbe semplicemente la conseguenza di una costruzione culturale e sociale [e come potrebbe essere intrinseca? Intrinseca vorrebbe dire innata? Ancora con l’innatismo? C’abbiamo il gene dell’identità di genere? Allora, secondo Anatrella, l’omosessualità è una malattia genetica. Interessante. Ne sanno una più del diavolo – ma dopotutto l’hanno inventato loro].

In nome della bisessualità psichica, si sostiene che l’uomo e la donna hanno ciascuno una parte maschile e una femminile: il sesso biologico dunque non obbliga, né quanto allo sviluppo psicologico né per l’organizzazione della vita sociale [mi permetterei solo di dire che è un pochino più complesso di così. Ma giusto un pochino]. Al sesso maschile e a quello femminile si privilegia l’asessualità o l’unisessualità [perché si privilegia? Chi ha detto – se non tu, Anatrella – che la GT mette qualcosa avanti ad altre cose? Non mi risulta da nessuna parte che la GT dica che ci siano orientamenti sessuali “migliori” di altri]. Così un politico donna, allieva di Simone de Beauvoir, afferma che “i mestieri non hanno sesso” [e non è vero? Quali sono i mestieri che ce l’hanno? Perché non fa un esempio?], mentre altri, favorevoli all’organizzazione sociale degli orientamenti sessuali [che cosa vuol dire questa frase? Perché dare per scontato che tutti ne capiscano il senso, se ne ha uno? Cos’è l’organizzazione sociale degli orientamenti sessuali?], sostengono che “l’amore” non dipende dall’attrazione tra l’uomo e la donna poiché esistono altre forme di attrazioni sentimentali e sessuali [invece lei, Anatrella, sa da cosa dipende “l’amore”? E perché tra virgolette, cosa voleva dire? E dov’è scritto che l’esistenza di altre forme di attrazioni sentimentali e sessuali neghi l’esistenza di quella tra l’uomo e la donna (eterosessuali, immagino)?  Anatrella, perché non mette un link, un riferimento, un nome, un titolo?].

Tali sofismi appaiono evidenti [che siano tali lo dice solo lei, e se lo fa “senza addurre motivazioni plausibili” (cit.), allora il sofisma è il suo, Anatrella caro] e sono ripresi con facilità dai media che apprezzano il pensiero ridotto a cliché [uh, guardi, è tutto un parlare di GT sui media, sì sì]. Tutto viene messo sullo stesso piano: le singolarità sessuali marginali – che sono sempre esistite – devono essere riconosciute allo stesso titolo della condizione comune e generale dell’attrazione tra uomo e donna [ah no? Allora devono morì, solo perché sono quantitativamente non rilevanti, sempre secondo i suoi criteri? Interessante. C’è stato un lungo periodo nel quale i cristiani erano singolarità marginali, e contro di loro si diceva più o meno quello che dice lei adesso. C’ha fatto caso?]. Non è tollerato alcun discernimento, la psicologia maschile si confonde con quella femminile e si attribuiscono le stesse caratteristiche a tutte le forme di attrazione sentimentale mentre dal punto di vista psicologico non sono in gioco le stesse strutture psichiche [notate: tre riferimenti alla psicologia senza definire niente, senza riferirsi a nulla, senza sostanziare con qualche dato le proprie asserzioni. Tutto l’articolo è costruito così, per scienza infusa di Anatrella. Il metodo della Bibbia, insomma: io dico che è così, e basta].

In altre parole, la società non deve più organizzarsi attorno alla differenza sessuale [non ci provare Anatrella, il problema è che un genere opprime gli altri, non quanti ce ne sono], ma deve riconoscere tutti gli orientamenti sessuali come altrettante possibilità di dare diritto alla plurisessualità degli esseri umani che nel corso dei secoli è stata limitata dall’“eterosessismo” [aridàje: non è stata limitata, è stata oppressa. I non eterosessuali “normali” sono stati perseguitati sempre e ovunque]. Bisogna dunque denunciare questa ingiustizia e decostruire tutte le categorie che ci hanno portato a tale oppressione [oppressione lo devi dire all’inizio, non alla fine, che fai, ce provi?].

L’uomo e la donna non esistono [EH?], è l’essere umano a dover essere riconosciuto prima ancora della sua particolarità nel corpo sessuato [prima dove, scusi? E soprattutto quando? Una volta nato il sesso ce l’ho, i problemi vengono dopo. O è la nota tattica cattolica di far nascere i problemi dove l’uomo non può arrivare, così ci pensa diopadre? E adesso i sofismi chi li fa, Anatrella?]. Sarebbe troppo lungo descrivere le diverse origini di questa corrente di idee partita innanzitutto dai medici che seguono casi di transessualismo, dagli psicanalisti culturalisti americani e dai linguisti che hanno studiato il linguaggio (gender studies) per farne emergere le discriminazioni nei confronti del genere femminile e degli stati intersessuati, per esempio per la concordanza del plurale in cui il maschile prevale sul femminile [e certo, è tutto lì: i medici che seguono casi di transessualismo alla fine si occupano di morfologia]. Fu riciclata [uh, vedi, è ecologica] da sociologi canadesi e ripensata in Francia da diversi filosofi prima di essere recuperata [sempre dalla stessa discarica], nuovamente negli Stati Uniti, dai movimenti lesbici alle origini del femminismo intransigente [il femminismo intransigente, mica quello di certe mollaccione] e ripresa poi dai movimenti omosessuali. La teoria del Genere [che adesso ha la maiuscola, prima no] tornò in Europa così trasformata [quante cose con una bottiglia di plastica, eh?]. In realtà si tratta di una sistemazione concettuale che non ha nulla a che vedere con la scienza: è a malapena un’opinione [mica come le teorie morali del cattolicesimo eh, mica come la religione. Quelle mica sono opinioni, è la parola di diopadre, oh. Il prete che difende la scienza è sempre fonte di stupore, che in primo luogo dovrebbe prendere se stesso, ma lasciam perdere].

Questo diventa inquietante nella misura in cui la maggior parte dei responsabili politici finisce per aderirvi senza conoscerne i fondamenti e le critiche che sono autoevidenti [ah, ecco. Contro il Vaticano, il cattolicesimo e le loro assurdità morali e bassezze immorali non bastano le prove schiaccianti, mentre le critiche alla GT sono autoevidenti. Complimenti]. I rapporti tra uomini e donne vengono presentati attraverso le categorie di dominante/dominato, della società patriarcale e dell’onniviolenza dell’uomo di cui la donna deve imparare a diffidare [mamma mia che assurdità, eh? Sono cose proprio campate in aria, se lo dice uno che ha la divisa di quelli che facevano bruciare le streghe, nutrendo la cultura della “donna diabolica tentatrice dell’uomo”, responsabile di tutto ciò che è irrazionale].

Da moltissimo tempo non siamo più in una società patriarcale [no no, non vi preoccupate, è un’impressione che esista il patriarcato, è finito secoli fa, certo, come la storia della Terra che era piatta – ops] ma, come sostiene la Chiesa, dobbiamo continuare a incamminarci verso una società fondata sulla coppia formata da un uomo e una donna impegnati pubblicamente in un’alleanza [alleanza i cui termini attualmente sono: io comando e tu servi, come ben teorizzato da Costanza Miriano, per esempio], segno che devono svilupparsi in questa autenticità. Da parecchi anni questa teoria [quale? Ma possiamo ripetere il soggetto, ogni tanto? O è roba alla Joyce?] viene insegnata in Francia all’università e, a partire dall’anno scolastico 2011-2012, sarà insegnata anche al liceo nei programmi di Scienze della vita e della terra delle classi prime. In nome di quali principi il Ministero dell’Educazione nazionale ha preso questa decisione e in seguito a quale forma di consultazione? [Perché, dovevano chiedere il permesso a te? Alla Chiesa?]

Non lo sa nessuno [in realtà c’è il sito del ministero francese, ovviamente, dove si possono leggere le intenzioni della riforma scolastica e capire la realtà e non la fantascienza di Anatrella]. Succede sempre così con le ideologie totalitarie, e ora con la teoria del genere [capito? La GT fa parte delle ideologia totalitarie come il nazismo, lo stalinismo, il fascismo, la dittatura di Dionigi di Siracusa]. Viene imposta ai cittadini senza che questi se ne rendano conto [sì, vi sta dicendo che siete una massa di deficienti] e si accorgano che decisioni legislative vengono prese in nome di quest’ideologia senza che, a quanto pare, sia esplicitamente spiegato [come la religione insomma; ve l’hanno spiegato perché vi battezzano? Perché da bambini fate comunione e cresima? Queste non sono cose imposte ai cittadini senza che questi se ne rendano conto? No?]. Ciò è particolarmente significativo in una parità contabile tra uomini e donne – che non significa uguaglianza -, nel matrimonio tra persone dello stesso sesso con l’adozione di bambini in tale contesto [e te pareva che non veniva fuori il fantasma della coppia gay che alleva un bambino], e nelle misure repressive che accompagnano questa corrente di idee [avete letto bene, misure repressive, tipo che ne so: l’Inquisizione, l’Indice dei libri proibiti, cose così ] che, in nome della non-discriminazione, non può essere rimessa in discussione o in Francia si rischia si essere sanzionati giudizialmente (legge sull’omofobia) [che schifo, Anatrella, che bassezza. Né in Francia né in Italia la legge punisce l’opinione, bensì la violenza, e uno “scienziato” come lei dovrebbe vergognarsi di questi mezzucci. Fa quasi pena – ma giusto per un istante].

Ma questo vale anche per altri Paesi: è il caso della Germania, dove genitori che hanno rifiutato che i figli partecipassero a lezioni di educazione sessuale ispirate alla teoria del genere sono stati condannati a quarantacinque giorni di detenzione senza condizionale (febbraio 2011). Il falso valore della non-discriminazione impedisce di pensare, valutare, discernere ed esprimere, così come quello della trasparenza che spesso è estranea alla ricerca della verità. [Questa è la notizia, e neanche un sito schierato come Zenit ammette che la Germania ha programmi scolastici con lezioni di educazione sessuale ispirate alla teoria del genere. E’ un’altra deduzione di Anatrella. Qui una lettura un poco più completa della vicenda.]

Quanto all’egualitarismo che si allontana dal senso dell’uguaglianza, esso lascia intendere che tutte le situazioni si equivalgono [ma di cosa si parla adesso? La GT, pur nelle sue diverse sfaccettature, non dice niente del tipo tutte le situazioni si equivalgono, ma casomai che ne va riconosciuta l’esistenza], mentre se le persone sono effettivamente uguali in dignità, la loro scelta, il loro stile di vita e la loro situazione non hanno oggettivamente lo stesso valore [Certo. Quello che dice la morale cattolica ha oggettivamente un valore superiore, vero?]. Non c’è nulla di discriminatorio nel sottolineare che solo un uomo e una donna formano una coppia [e invece sì], si sposano [e invece sì], vivono insieme [e invece sì], adottano e educano dei bambini nell’interesse del bene comune e in quello del figlio [e invece sì; sono tutte discriminazioni perché di quelle capacità si sono dimostrate piene coppie di ogni tipo, e pure i singoli]. Sono più capaci di esprimere l’alterità sessuale [che è un valore relativo a una cultura, non è assoluto], la coppia generazionale [che è un valore relativo a una cultura, non è assoluto] e la famiglia [che è un valore relativo a una cultura, non è assoluto], cellula base della società [che è un valore relativo a una cultura, non è assoluto].

La ricetta è chiara: complottismo, affermazioni non comprovate, giochi di parole, “voi non ve ne rendete conto (ma io sì)”, ed ecco come ti costruisco una ideologia totalitaria. Tra l’altro, pure lo stesso ministro francese è stato chiaro, successivamente: le cose non stanno così, in gioco non c’è la GT, ma l’insegnare a essere contro tutte le discriminazioni. Chiudiamo con una edificante testimonianza, da chi ha avuto modo di conoscerlo, su chi sia Tony Anatrella “sacerdote e psicanalista”. Tanto per chiarire cos’è una ideologia totalitaria, e che conseguenze potrebbe avere nella vita di qualche malcapitato.

Intervista ad Edmondo, professore libertario

banksyCon grande piacere vi proponiamo un’interessante intervista fatta ad Edmondo, professore libertario e autore del blog scuola libertaria, con la speranza che ciò generi dubbi su come stiamo educando i/le nostr@ bambin@ e sul ruolo reale della scuola tradizionale. Buona lettura!

1)  Cosa si intende per pedagogia libertaria? E quando e come è nata? Come la pedagogia libertaria si differenzia da quella tradizionale?

La tua prima domanda richiederebbe lo spazio di un’enciclopedia. Ogni bambino porta con sé un proprio progetto di vita, come anche proprie esigenze, proprie emozioni, proprie aspettative e desideri, una gamma di singolarità psicofisiche che lo rendono unico e irripetibile. Al contrario di quanto fanno le pedagogie autoritarie che operano opportunisticamente dall’esterno per omologare e annullare ogni individualità, la pedagogia libertaria si concentra sulle singolarità, rispetta le caratteristiche di ogni individuo, crea l’ambiente relazionale più consono affinché le attitudini possano emergere e svilupparsi. La pedagogia libertaria educa persone, non addestra sudditi. Ogni persona deve poter esprimere pienamente se stessa per diventare se stessa, e non qualcosa che altri hanno deciso. Quel progetto di vita che la natura ha fornito ad ognuno di noi deve potersi realizzare, e questa realizzazione si raggiunge soltanto attraverso un contesto libero, tra esseri umani liberi. In buona sostanza, la pedagogia libertaria educa a essere, non a dover essere.
Rispettare l’essere umano in quanto tale, nella sua totalità, di questo si occupa la pedagogia libertaria, e in questo senso la sua nascita affonda le radici nelle prime critiche all’esistente autoritario. Se ad esempio penso a un Diogene, non posso non vedere in lui uno dei primi educatori libertari. Tuttavia, il primo teorico a scagliarsi metodicamente contro l’istituzione scolastica tradizionale è stato il filosofo illuminista William Godwin. I suoi scritti -ancora oggi all’avanguardia- sono la reazione sintomatica di una malattia preesistente.

Continue reading “Intervista ad Edmondo, professore libertario”