Article written by

Femminista e antispecista, un pò cagna e un pò porca; un cavallo mi ha insegnato il valore della libertà.

One Response

  1. skybia at |

    Ciao,
    prendendo spunto da questo articolo http://www.antispecismo.net/index.php?option=com_k2&view=item&id=62:i-murales-notav-e-lo-specismo-simbolico verrebbe da dire che l’insulto rivolto alla Kyeng è espressione diretta dell’”habitus specista”, ma anche manifestazione del referente assente, che Carol Adams ha individuato come macabro rituale delle relazioni di dominio e di sfruttamento dei corpi femminili e dei corpi degli altri animali.
    L’intersezione tra specismo razzismo e sessismo è lampante: qui si parla di oranghi, animali non umani che sono sempre associati alla non razionalità, al non avere una coscienza, all’essere solo corpo e che assumono la connotazione di un referente immaginario che a partire da corpi e menti reali e storiche, si annulla nella simbolizzazione del vilipendio. Il tentativo evidente è di offendere il soggetto dell’invettiva, la ministra Kyenge ma il risultato, alla luce dello specismo simbolico, è quello di violare le vite e le dignità degli oranghi.

    E poi forse non c’entra nulla o forse si ma proposito poi di specismo nel movimento (duro a morire) gionri fa mi è capitato di ripassare per l’ennesima volta davanti a questo murales (che per chi non lo sapesse si trova al Forte Prenestino a Roma) http://femminismo-a-sud.noblogs.org/post/2012/07/05/diaz-non-serve-una-sentenza-per-dire-chi-sono-i-criminali/ in cui la rappresentazione delle guardie è ispirata all’idea del bestiale…in modo dicotomico e contrappositivo il “bene” è rappresentato da un maschio, bianco (e una scimmietta, qui forse rappresentata in termini positivi perché è un primate e dunque più vicino alla specie umana) mentre il “male” da una serie di animali che nell’immaginario incarnano ora l’essere gregari e pavidi (pecore, mucche, conigli..), ora l’essere pericolosi(serpenti), ora l’essere fedeli (alla divisa?)(cani)…vabbè voleva essere solo una riflessione a latere

Comments are closed.