Article written by

Femminista e antispecista, un pò cagna e un pò porca; un cavallo mi ha insegnato il valore della libertà.

4 Responses

  1. […] a mio avviso, può benissimo valere anche per la prostituzione, dato che anche in questo caso lo Stato-nazione pianta o tenta di piantare la sua bandiera sui nostri corpi e sulla libertà di farne ciò che si crede opportuno. La prostituzione mette in discussione troppe […]

  2. Utente Finale at |

    Io sono un cliente di prostitute, devo dire che ingenuamente non le avevo mai considerate come ‘dispositivi masturbatori’, a me sono sempre sembrate incontrovertibilmente donne…

    Comunque, pippotto marxista a parte, quello che scrive Beatriz è sacrosanto, non si vede la differenza fra il lavoro di prostituta e gli altri. Salvo che nella percezione che ne ha la società. Che un essere umano sia costretto a limitare l’impiego del proprio corpo lo trovo un sopruso.

  3. […] blog intersezioni, la traduzione di Feminoska di un articolo di Beatriz Preciado pubblicato da […]

Comments are closed.